Archivio Categorie: News

Anteprima di Stagione 2019-2020

Martedì 24 settembre 2019 ore 20:45
Teatro Dal Verme
Via San Giovanni sul Muro 2 – 20121 Milano
 

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO CARLO FELICE DI GENOVA

Direttore MUHAI TANG

 
Maggiori dettagli sull’evento

Chitarrista MARCO PANZARINO

Domenica 28 Luglio 2019, ore 16:30
Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 – Milano
 
«EMOZIONI CHITARRISTICHE DA BACH AI RITMI ISPANICI»
 
Maggiori dettagli sull’evento

DUO TINSAGU PROJECT

Domenica 21 Luglio 2019, ore 16:30
Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 – Milano
 
Maggiori dettagli sull’evento

Flautista LAURA FAORO

Domenica 14 Luglio 2019, ore 16:30
Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 – Milano
 
LAURA FAORO

Dopo il diploma in cinque anni al Conservatorio Verdi e la laurea in Archeologia all’Università Cattolica di Milano entrambi cum laude, la flautista Laura Faoro si specializza nel repertorio contemporaneo come solista (cum laude) e camerista presso il CSI di Lugano dove studia con M. Caroli, A. Tamayo e O. Zoboli; si perfeziona poi con A. Morini. Oltre ad avere all’attivo in Europa un’intensa attività concertistica da solista e camerista (tra gli altri, solista nel II° Concerto per flauto di A. Jolivet all’RSI di Lugano), ha concepito e realizzato da performer diversi progetti volti a valorizzare il linguaggio musicale contemporaneo in contesti sinestetici fondendolo con altre forme artistiche, tra cui: l’installazione site specific BlueTube, definita dalla studiosa V. Valentini “concerto intermediale” (Serate Musicali 2018; Giornata Mondiale dell’Acqua 2016; Lugano, LAC); la drammatizzazione sonora Arianna: il suon de’ bei lamenti (Festival Monteverdi 450° 2017 e 2019); la pièce di teatro musicale The Merry Wives of William (prod. Piccolo Teatro di Milano 2016; Roma Sala Umberto 2018; Mese Shakespeariano di Bari 2016; Premio Bonacina 2016); il concerto teatrale Alice: 88 tasti nella storia (PACTA 2014; Premio Fersen 2013). Lavora inoltre su propri ambienti sonori per flauto ed elettronica con particolare cura per il sound processing (Parade Electronique 2018 per MMT; Festival Subsculture 2018 Treviso etc). Nel maggio 2019 debutta con notevole successo per il Centro d’Arte di Padova (Auditorium Pollini) in KATHINKAs GESANG als LUZIFERs REQUIEM da SAMSTAG aus LICHT di K. Stockhausen, nella versione con elettronica (con A. Vidolin alla regia del suono), prima flautista italiana ad eseguire il brano integralmente, a memoria e in forma scenica, sotto gli auspici della Stockhausen Stiftung, avendolo preparato direttamente con la dedicataria, Kathinka Pasveer. Replicherà il progetto nell’ottobre 2019 con Tempo Reale e M. Viel come produzione di Festival Aperto al Teatro Valli di Reggio Emilia. Il prossimo autunno sarà inoltre ospite del Festival Milano Musica, come solista in PARADIES da KLANG di K. Stockhausen (regia del suono M. Marchi, AGON)  e in Tracce per flauto solo di L. Francesconi, dedicatario dell’edizione 2019.

 
Maggiori dettagli sull’evento

Armonie della Magna Graecia

 
Ecco i prossimi appuntamenti legati alla serie “Armonie della Magna Graecia” che si terranno presso il Palazzo Santa Chiara a Tropea:

 
I biglietti sono acquistabili la sera dell’evento direttamente in loco.

Concerto 17 giugno annullato

Gentili Abbonati,

Vi comunichiamo che il concerto previsto il 17 giugno 2019

con il pianista ROBERTO CAPPELLO è stato annullato per motivi tecnici.

Vi preghiamo pertanto di voler conservare i Vostri abbonamenti per accedere al concerto di recupero che avrà luogo nella Stagione 2019/2020.

Grazie per l’attenzione,

Serate Musicali

Pianista EVGENI BOZHANOV

Lunedì 10 Giugno 2019, ore 20:45
Sala Verdi, Conservatorio di Milano _Via Conservatorio, 12
 
Evgeni Bozhanov è nato nel 1984 in Bulgaria; ha iniziato a studiare musica a 6 anni e si è esibito in pubblico al pianoforte per la prima volta a 12. Si è poi trasferito in Germania dove ha proseguito gli studi. Numerosi i premi conquistati ai più prestigiosi concorsi internazionali, dallo Sviatoslav Richter di Mosca al Queen Elisabeth di Bruxelles al Van Cliburn in Texas. Bozhanov tra le altre cose ha partecipato ad Abu Dhabi Classics, ha inaugurato il Festival di Sofia e lo Chopin Festival di Varsavia. Si è esibito alla Philharmonie di Berlino, alla Royal Festival Hall di Londra, alla Suntory Hall di Tokio, a Radio France a Parigi, al Musikverein di Vienna e nei maggiori teatri. Collabora con alcune delle più prestigiose orchestre internazionali, ricordiamo tra le altre la Philharmonia di Londra, la Deutsche Symphonie-Orchester Berlin, l’Orchestra Nazionale della Rai.
Il suo CD “Frédéric Chopin” si è guadagnato il “Preis der Deutschen Schallplatten Kritik”.

 

Maggiori dettagli sull’evento

Pianista MIKHAIL LIDSKY

Lunedì 27 Maggio 2019 ore 20:45
Verdi, Conservatorio di Milano _Via Conservatorio, 12

MIKHAIL LIDSKY

Nato nel 1968 a Mosca, ha iniziato a studiare pianoforte all’età di cinque anni. Nel 1975 è stato ammesso alla Gnessin Moscow Specialized Music School (classe di Marina Marshak-Young).

Dal 1978 fino alla laurea e successivamente dal 1987 al 1992 ha studiato con Vladimir Tropp alla Gnessin Russian Academy of Music.

A 13 anni ha suonato per la prima volta con orchestra e a 15 ha tenuto il suo primo recital. Durante gli studi, ha tenuto molti concerti in numerose città dell’URSS come solista e musicista da camera. All’ottava competizione All-Russia Piano Competition (Kislovodsk, 1989) ha ricevuto il 1° premio (comune), il premio della Russia Music Society e un premio speciale per l’esecuzione del Concerto n.2 per pianoforte di Prokofiev. Da allora, non ha più partecipato ad alcun concorso.

La carriera concertistica di Lidsky comprende numerose apparizioni in Russia, Belgio, Regno Unito, Germania, Italia, Paesi Bassi, Finlandia, Francia, Turchia, Taiwan e Giappone.

Il suo vasto e versatile repertorio comprende J.S. Bach, Scarlatti, Haydn, Mozart, Beethoven, Schubert, Schumann, Chopin, Liszt, Brahms, Ciaikovski, Rachmaninov. Scriabin, Medtner, Debussy, Ravel, Stravinsky, Hindemith, Myaskovsky, Prokofiev, Shostakovich, ecc.

Suona con The Russian State Symphony Orchestra, The Russian National Orchestra, The Moscow Philharmonic Orchestra, The Saint-Petersburg Philharmonic Orchestra, Lithuanian Chamber Orchestra, Netherlands Radio Philharmonic Orchestra, Rotterdam Philharmonic Orchestra, The Netherlands Radio Symphony Orchestra; collabora con direttori quali: Alexander Vedernikov, Feodor Glushchenko, Arnold Katz, Dmitri Liss, Vladimir Ponkin, Ravil Martynov, Vladimir Verbitsky, Yuri Simonov e per la musica da camera collabora stabilmente con i Virtuosi di Mosca, il Mozart Quartet e il violinista Domenico Nordio.

Dal 2007 Lidsky è rimasto l’unico pianista della sua generazione a realizzare ogni anno recital alla Moscow International Music House, con Integrali di Beethoven, Mozart, Schubert, Schumann, Chopin e Liszt, replicati poi in molte città della Russia.

Nel 2010 ha partecipato alla serata di chiusura del Antalya Piano Festival (Turchia) eseguendo il Concerto n.1 per pianoforte di Shostakovich con Virtuosi di Mosca diretto da Vladimir Spivakov, nel 2012 ha suonato al Russian Piano Music Festival (Mosca) eseguendo il Concerto n.1 per pianoforte di Medtner con la Filarmonica di Mosca e nel 2013 (San Pietroburgo) ha eseguito il Concerto n.5 per pianoforte di Prokofiev con la Filarmonica di San Pietroburgo diretto da Alexander Vedernikov.

Maggiori dettagli sull’evento seguendo il link

Violoncellista STEVEN ISSERLIS – Fortepianista ROBERT LEVIN

Lunedì 20 Maggio 2019 ore 20:45
Verdi, Conservatorio di Milano _Via Conservatorio, 12

Steven Isserlis

Come solista collabora con Gewandhausorchester Leipzig, Berlin Philharmonic, Vienna  Philharmonic, Philharmonia Orchestra, Tonhalle Orchester di Zurigo, Los Angeles  Philharmonic e suona in recital nelle più importanti sale internazionali.
Come camerista ha ideato numerosi programmi per le maggiori rassegne concertistiche, tra cui Wigmore Hall, 92nd St Y di New York e per i Festival di Salisburgo e Verbier.
Isserlis nutre grande interesse per gli strumenti d’epoca e  ha  suonato  con  le  più  importanti  orchestre  di  strumenti originali e in recital con cembalo e fortepiano.
È anche un fiero  sostenitore  della musica contemporanea e ha collaborato con i più celebri compositori presentando nuove opere, tra le quali The Protecting Veil di John Tavener, Lieux retrouvés di Thomas Adès e For Steven di Gyorgy Kurtág. Attraverso una discografia pluripremiata Isserlis rivela la vastità del suo repertorio.
La registrazione delle Suites di Bach ha ricevuto i premi Instrumental Disc of the Year e Critic’s Choice della rivista Gramophone. Oltre al Concerto di Dvorak con la Mahler Chamber Orchestra e Daniel Harding, ha registrato vari dischi con Olli Mustonen, l’Integrale dell’opera di Beethoven con Robert Levin, i Concerti di Elgar e Walton con la Philharmonia Orchestra e Paavo Järvi e il Doppio Concerto di Brahms con Joshua Bell e l’Academy di St. Martin‐in‐the‐Fields.
Nel 2017 il suo ultimo lavoro discografico dedicato ai Concerti di Haydn e C.P.E. Bach nella doppia veste di solista e direttore con la Deutsche Kammerphilharmonie Bremen ha riscosso unanimi consensi. Nello stesso anno è uscito un disco speciale con Connie Shih ispirato alla Prima Guerra Mondiale, in cui Isserlis suona un violoncello da viaggio usato nelle trincee.
Scrivere e suonare per i bambini è un’altra sua passione: i libri sulla vita dei grandi compositori ‐ Why Beethoven Threw the Stew e Why Handel Waggled his Wig ‐ sono stati tradotti in molte lingue, tra cui l’italiano; inoltre ha scritto tre favole musicali insieme alla compositrice Anne Dudley.
Insignito di un CBE nel 1998 in segno dell’instancabile attività artistica, ha ricevuto il Premio Schumann della  Città di Zwickau e il Piatigorsky Prize negli Stati Uniti. Il 2017 è stato un anno ricco di  riconoscimenti tra cui il Glashütte Original Music Festival Award, la Wigmore Hall Gold Medal e la Walter Willson Cobbett Medal per il suo impegno nella musica da camera; inoltre è uno dei due violoncellisti viventi incluso nella Gramophone’s Hall of Fame. Suona lo Stradivari “Marquis de Corberon (Nelsova)” del 1726, su gentile concessione della Royal Academy of Music.
Le “Serate Musicali” si onorano di avere trovato affinità elettive con un Artista già storico come Isserlis. Virtuoso dal volto umano, non ignora e non disdegna alcun tipo di humor, per il nostro conforto, la nostra delizia, la nostra consolazione. La sua “noblesse” lo fa essere più unico che raro. Il suo “cantabile” è invidiato e non è forse riproducibile. I suoi viaggi e le sue avventure nella storia ci accompagnano. È ospite di Serate Musicali – Milano dal 1992.

Ultimo libro di Steven Isserlis: “Consigli ai giovani musicisti o Regole di vita musicale di Robert Schumann, rivisti e commentati da Steven Isserlis” (ed. Curci) a disposizione, questa sera, nel foyer della Sala Verdi, per la firma dell’artista.
………………………………………….

ROBERT LEVIN

Il pianista e direttore americano Robert Levin si è affermato a livello mondiale tra Stati Uniti, Europa, Australia e Asia. I suoi impegni da solista su pianoforti Steinway lo hanno visto ospite delle maggiori orchestre con direttori come Semyon Bychkov, James Conlon, Bernard Haitink, Sir Neville Marriner, Seiji Ozawa, Sir Simon Rattle e Esa-Pekka Salonen.
Si è esibito su pianoforti d’epoca con l’Academy of Ancient Music, l’Handel & Haydn Society, l’Orchestra of the Age of Enlightenment e l’Orchestre Révolutionnaire et Romantique, diretto da Sir John Eliot Gardiner, Christopher Hogwood, Sir Charles Mackerras, Nicholas McGegan e Sir Roger Norrington.
Rinomato per i suoi abbellimenti e cadenze improvvisati nel repertorio del periodo classico, Robert Levin ha registrato per alcune importanti etichette discografiche. Tra queste registrazioni figura il ciclo di Concerti di Mozart; il ciclo di Concerti di Beethoven e prossimamente verrà pubblicata la sua lettura delle Sonate per pianoforte di Mozart, su pianoforte dello stesso.
Collabora regolarmente con Steven Isserlis, con cui ha registrato l’Integrale beethoveniana per pianoforte e violoncello e con la pianista Ya-Fei Chuang, con cui si esibisce in recital e con orchestra. All’inizio di quest’anno ha girato l’Europa e gli Stati Uniti in tour con la violinista Hilary Hahn.
Un appassionato sostenitore della nuova musica, Robert Levin ha commissionato e presentato in anteprima un gran numero di opere.
Rinomato musicista da camera, i suoi completamenti dei frammenti di Mozart sono pubblicati da Bärenreiter, Breitkopf & Härtel, Carus, Peters e Wiener Urtext Edition, registrati e eseguiti in tutto il mondo.

Questa sera Robert Levin suonerà su un Fortepiano a coda Johann Schantz, Vienna, ca.1810, della collezione di Fernanda Giulini, che ringraziamo vivamente.

Visualizza la scheda tecnica del fortepiano  Johann Schantz

Maggiori dettagli sull’evento seguendo questo link

ORCHESTRA SINFONICA CARLO COCCIA

Direttore GIORGIO RODOLFO MARINI
Pianista CARLO LEVI MINZI

Lunedì 13 Maggio 2019 ore 20:45
Verdi, Conservatorio di Milano _Via Conservatorio, 12
 
Carlo Levi Minzi Allievo di Enrica Cavallo, Vladimir Natanson, Paul Baumgartner e Mieczyslaw Horszowski, Carlo Levi Minzi ha tenuto concerti nelle
principali città di Europa e America ed effettuato numerose registrazioni radiotelevisive e discografiche.Il suo repertorio, che si estende da Bach ai giorni nostri, comprende, oltre al ciclo integrale delle Sonate di Mozart, Beethoven, Schubert e Skrjabin, anche più di cinquanta Concerti per pianoforte e orchestra. E’ Professore Ordinario presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano ed è stato Visiting Professor presso prestigiose istituzioni europee e americane.

 

Giorgio Rodolfo Marini Diplomatosi in Direzione d’Orchestra presso il Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma, si è formato alla scuola dei maggiori maestri italiani e stranieri, tra cui Hans Priem Bergrath, Ferenc Nagy, Ervin Acél ed Emil Simon. Ha diretto varie Orchestre italiane e straniere, tra cui
l’Orchestra Sinfonica “Carlo Coccia”, l’Orchestra Filarmonica di Odessa, l’Orchestra Warmia di Polonia, i Virtuosi Moldavi e l’Orchestra Filarmonica di Stato di Oradea, e ha collaborato con vari solisti di fama internazionale tra cui Paolo Vairo, Louise Sibourd e Anna Maria Cigoli.E’ Direttore ospite dell’Orchestra Filarmonica di Arad e Direttore artistico e musicale della “Insubria Chamber Orchestra”.
 
Maggiori dettagli sull’evento seguendo questo link