Flautista LAURA FAORO

Quando:
14 luglio 2019@16:30
2019-07-14T16:30:00+02:00
2019-07-14T16:45:00+02:00
Dove:
Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 – Milano

«Un flauto al Poldi Pezzoli: Mirabilia sonore tra antico e contemporaneo»

Programma

C. DEBUSSY
Syrinx
J. S. BACH
Sonata in do maggiore BWV 1033 (versione per flauto solo)
F. POULENC
«Un joueur de flûte berce les ruines»
N. PAGANINI
Capriccio n.24 (versione per flauto)
A. PIAZZOLLA
Tango – Étude n.4
S. MERCADANTE
Variazioni su «Cara per te quest’anima» da “Armida” di G. Rossini
A. PIAZZOLLA
Tango – Étude n.3
S. SCIARRINO
«Canzona di ringraziamento»da “Opera per flauto” vol.I°

 

LAURA FAORO

Dopo il diploma in cinque anni al Conservatorio Verdi e la laurea in Archeologia all’Università Cattolica di Milano entrambi cum laude, la flautista Laura Faoro si specializza nel repertorio contemporaneo come solista (cum laude) e camerista presso il CSI di Lugano dove studia con M. Caroli, A. Tamayo e O. Zoboli; si perfeziona poi con A. Morini. Oltre ad avere all’attivo in Europa un’intensa attività concertistica da solista e camerista (tra gli altri, solista nel II° Concerto per flauto di A. Jolivet all’RSI di Lugano), ha concepito e realizzato da performer diversi progetti volti a valorizzare il linguaggio musicale contemporaneo in contesti sinestetici fondendolo con altre forme artistiche, tra cui: l’installazione site specific BlueTube, definita dalla studiosa V. Valentini “concerto intermediale” (Serate Musicali 2018; Giornata Mondiale dell’Acqua 2016; Lugano, LAC); la drammatizzazione sonora Arianna: il suon de’ bei lamenti (Festival Monteverdi 450° 2017 e 2019); la pièce di teatro musicale The Merry Wives of William (prod. Piccolo Teatro di Milano 2016; Roma Sala Umberto 2018; Mese Shakespeariano di Bari 2016; Premio Bonacina 2016); il concerto teatrale Alice: 88 tasti nella storia (PACTA 2014; Premio Fersen 2013). Lavora inoltre su propri ambienti sonori per flauto ed elettronica con particolare cura per il sound processing (Parade Electronique 2018 per MMT; Festival Subsculture 2018 Treviso etc). Nel maggio 2019 debutta con notevole successo per il Centro d’Arte di Padova (Auditorium Pollini) in KATHINKAs GESANG als LUZIFERs REQUIEM da SAMSTAG aus LICHT di K. Stockhausen, nella versione con elettronica (con A. Vidolin alla regia del suono), prima flautista italiana ad eseguire il brano integralmente, a memoria e in forma scenica, sotto gli auspici della Stockhausen Stiftung, avendolo preparato direttamente con la dedicataria, Kathinka Pasveer. Replicherà il progetto nell’ottobre 2019 con Tempo Reale e M. Viel come produzione di Festival Aperto al Teatro Valli di Reggio Emilia. Il prossimo autunno sarà inoltre ospite del Festival Milano Musica, come solista in PARADIES da KLANG di K. Stockhausen (regia del suono M. Marchi, AGON)  e in Tracce per flauto solo di L. Francesconi, dedicatario dell’edizione 2019.

Condividi