Scarlini – Tomingas – Schieppati

Quando:
23 Ottobre 2021@6:30 pm
2021-10-23T18:30:00+02:00
2021-10-23T18:45:00+02:00
Dove:
Sala Puccini - Conservatorio Verdi, Milano
Costo:
Intero 10€ - Ridotto 5€
Contatto:
Biglietteria
02 29409724

«I suoni diventano parole»

Narratore LUCA SCARLINI

Mezzosoprano KÜLLI TOMINGAS

Pianista LUCA SCHIEPPATI

LAURA PARIANI E NICOLA FANTINI “Arrivederci, signor Čajkovskij” (ed. Sellerio,2019)

Čajkovskij arriva sul Lago d’Orta un anno dopo la sua tragica separazione dalla moglie Antonina. A poca distanza da lui, ma in una diversa villa, sta la baronessa von Meck, che vuole vivere con lui una esistenza di amore distante. Questa vicenda, molte volte narrata, fa da sfondo a una serie di incroci di destini tra delitti e apparizioni dell’altro mondo, scritta da Laura Pariani e Nicola Fantini, che già hanno scritto del Cusio nel precedente “Nostra Signora degli Scorpioni”, dedicato al soggiorno di Dostoevskij. Un racconto tra echi čajkovskijani letterari e musiche di Pjotr Il’ič, di rara esecuzione, romanze per canto e pianoforte, eseguite da Luca Schieppati e Külli Tomingas.

PJOTR IL’IČ ČAJKOVSKIJ (1840 – 1893)

Romanza op.6 n.5 (1869)
«Otchego» («Perchè?»)

Romanza op.47 n.6 (1880)
«Den’ li carit» («Sorga il giorno»)

Da “Le stagioni” op. 37b
Gennaio (Accanto al fuoco)
Dicembre (Natale)

Da “La Pulzella d’Orléans”
Aria di Giovanna d’Arco «Da, chas nastal!» («Sì, l’ora è giunta!»)

Romanza op.38 n.6 (1878)
«Pimpinella»

Scarica il libretto di sala

LUCA SCARLINI
Scrittore, drammaturgo per teatri e musica, performance artist, storyteller. Insegna tecniche narrative presso la Scuola Holden di Torino e ha collaborato con numerose istituzioni teatrali italiane e europee, tra cui il National Theatre di Londra, la compagnia Lod a Ghent, il Festival Opera XXI ad Anversa, La Batie e il Theatre Amstramgram a Ginevra. Scrive per la musica e per la danza: è stato consulente artistico del Festival MilanOltre al Teatro dell’Elfo di Milano. È stato direttore artistico di TTv a Bologna, ha coordinato le attività della Capitale Mondiale del Libro a Torino presso lo spazio Atrium. Ha all’attivo una vasta attività come storyteller in solo e a fianco di musicisti, danzatori e attori, in teatri, musei e luoghi storici, con racconti per musei e esposizioni, lavorando tra l’altro con Bauer, Benvenuti, Botto, Bussotti, Chipaumire, Cortesi, Damerini, Della Monica, Dillon, Lan, Mesirca, Pozzi, Sangiovanni, Servillo, Toccafondi, Torquati, Veggetti, comparendo in festival in Italia (compare da molti anni nel programma di Festivaletteratura, Mantova). Voce di Radio Tre, ha condotto il programma Museo Nazionale, ha curato mostre sulla relazione tra arte, musica, teatro e moda. Tra i suoi libri recenti sono da segnalare Lustrini per il regno dei cieli (Bollati Boringhieri), Sacre sfilate (Guanda), dedicato alla moda in Vaticano, Un paese in ginocchio (Guanda), La sindrome di Michael Jackson (Bompiani), Andy Warhol superstar (Johan and Levi), Siviero contro Hitler (Skira), Memorie di un’opera d’arte (Skira), Conosci Milano (Clichy), Ziggy Stardust (add), Bianco Tenebra (Sellerio), Teatri d’amore (Nottetempo), L’ultima regina di Firenze (Bompiani). Collabora regolarmente con Serate Musicali – Milano.

KÜLLI TOMINGAS
É estone per nascita, italiana per amore, cittadina del mondo perché vera artista. Ha studiato con Adelisa Tabiadon e Bianca Maria Casoni, perfezionandosi in masterclasses con Claudio Desderi, Katia Ricciarelli, Luciana Serra, Leyla Gencer. Si è segnalata in vari Concorsi internazionali: (Titta Ruffo, Ismaele Voltolini, CLOS-Operastudio, Riccardo Zandonai, Voice Master di Montecarlo). Ha ricoperto ruoli primari in Opere di Purcell, Pergolesi, Mozart, Rossini, Verdi, Mascagni, Puccini, Strauss, Britten, Maderna in importanti Teatri italiani, collaborando con direttori quali Matteo Beltrami, Andrea Raffanini, Pietro Borgonovo, Lucas Pfaff, Tiziano Severini, Michelangelo Mazza e registi quali Elmo Nüganen, Andrea De Rosa, Denis Krief. Ha eseguito un vasto repertorio cameristico con il pianista Luca Schieppati, con cui da anni forma il Duo L’Originale e la Copia. Nata lo stesso giorno di Giacomo Leopardi (ma non lo stesso anno, ça va sans dire), modello per la sua voce è stata la luna leopardiana, che splende in notte dolce e chiara; ma non del tutto senza vento, perché il suo canto, grazie a una estensione che dalla luna scende fino al riflesso di questa nel più profondo dei pozzi, è sempre animato dai fremiti e dai palpiti dell’emozione.

LUCA SCHIEPPATI
Milanese, è concertista, didatta, organizzatore di eventi musicali. Allievo di Edda Ponti e Paolo Bordoni, si diploma nel Conservatorio della sua città con lode e menzione ad honorem, perfezionandosi poi a Roma e Parigi con Aldo Ciccolini. Vincitore o premiato in numerosi concorsi nazionali e internazionali, si è esibito per prestigiose istituzioni italiane e straniere, eseguendo un vastissimo repertorio solistico e da camera, anche su strumenti antichi, con particolare attenzione per brani di rara esecuzione, coltivando con passione e assiduità anche la musica contemporanea. Frequenti le collaborazioni con i cantanti, cui è legato in egual misura da amore e invidia, entrambi malcelati. Molto apprezzato come conferenziere e brillante conversatore, le sue performances sono spesso dei vivaci momenti di incontro e confronto di idee capaci di superare obsolete ritualità e suscitare un ascolto attivo e coinvolgente. Vincitore di concorso per esami e titoli, da più di trent’anni insegna nei Conservatori (attualmente presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano), cercando di favorire la condivisione di competenze tra generazioni diverse e stimolare il libero sviluppo della personalità di ogni giovane artista. Convinto dell’importanza della divulgazione culturale, nonché dei benefici effetti per la società dei poteri incantatori, consolatori e persino salvifici della Bellezza, da oltre vent’anni è consulente artistico per diverse associazioni milanesi, con all’attivo l’organizzazione di oltre 1000 eventi, soprattutto nelle periferie.

Condividi