VORONEZH SYMPHONY ORCHESTRA

Quando:
25 Novembre 2019@8:45 pm
2019-11-25T20:45:00+01:00
2019-11-25T21:00:00+01:00
Dove:
Sala Verdi del Conservatorio di Milano
via Conservatorio 12
VORONEZH SYMPHONY ORCHESTRA
Direttore IURII ANDROSOV
Clarinettista VINCENZO MARIOZZI
Pianista FREDDY KEMPF

Programma
F. MENDELSSOHN 
“La Bella Melusina”, Ouverture in fa maggiore op.32
K.M.von WEBER
Concerto in mi bemolle maggiore op 74 n.2
(clarinetto: Vincenzo Mariozzi)
F. CHOPIN
Concerto n.2 per pianoforte e orchestra in fa minore op.21
Andante spianato e Grande Polacca brillante in mi bemolle maggiore op.22
pianoforte: Freddy Kempf

Scarica il libretto di sala

Biglietti: Intero € 30,00 – Ridotto € 25,00

 
VORONEZH SYMPHONY ORCHESTRA

La Voronezh Symphony Orchestra è stata fondata nel 2004. È composta da giovani musicisti vincitori di concorsi nazionali e laureati della Voronezh Academy of Arts, del Rostropovich College of Music e del Voronezh College of Music. Il suo repertorio spazia dal barocco alla musica moderna. L’Orchestra partecipa regolarmente a festival nazionali e internazionali, quali: il Festival Internazionale di Musica Contemporanea “Consonance”, il Festival del violoncello russo intitolato a Rostropovich e il Festival  di Valery Gergiev. Molto attiva in Russia e all’estero, dal 2007, effettua regolarmente tournèe in Francia e dal 2012, nell’ambito del progetto Music Academy, esegue concerti a Kursk, Gubkin, Borisoglebsk, ecc. L’Orchestra promuove numerosi progetti musicali: “New Names in Voronezh” con la partecipazione del Presidente della New Names Foundation Denis Matsuev, “World Musical Heritage” con la partecipazione di solisti del Bolshoi Theater e Helikon-Opera Theater, nonché un programma speciale per gli studenti di Voronezh. Collabora con solisti e direttori quali: M. Inoue, V. Chernushenko, A. Skulsky, J. Maro, A. Shilkloper, E. Mechetina, G. Murzha, F. Kempf, F. Lips, I. Sobotka e etc..

 

YURI ANDROSOV

È direttore della Voronezh Symphony Orchestra dalla sua fondazione. Si è laureato nel 1987 alla scuola di specializzazione Gnesin nella classe di clarinetto con Mozgovenko e nel 2005 al Conservatorio Statale “M.I. Glinka” di Nizhny Novgorod nella classe di direzione d’opera sinfonica con Skulsky. Ha diretto centinaia di concerti sia in Russia sia all’estero. Il suo stile è caratterizzato da tecnica, abilità artistica, interpretazione perfetta e dalla capacità di rivelare in modo coerente la le opere eseguite. Ha collaborato con molti musicisti famosi: Lips, Tonkha, D. Matsuev, Kempf, Sobotka, Mechetina, Shilkloper, Borisoglebsky.

 

VINCENZO MARIOZZI

Giovanissimo, vince il concorso di primo clarinetto solista nell’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo. Nel 1968 vince il concorso di primo clarinetto solista nell’Orchestra Stabile dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia; mantiene questa carica per oltre tre lustri, suonando sotto la direzione di grandi direttori d’orchestra quali Bernstein, Markevich, Kleiber, Maazel, Previtali, Rossi, Prêtre, Kempe, Sawallisch, Muti, Abbado, Sinopoli, Temirkanov, Böhm, Kondrashin, Svetlanov, Thielemann, Barenboim, Gergiev, Chailly, Patanè, Giulini, Rostropovich, Celibidache, Paret, von Matacic. Vincitore del Concorso Internazionale d’Esecuzione Musicale di Ginevra (1967), è stato primo clarinetto della World Symphony Orchestra e ha collaborato con la Filarmonica della Scala come primo clarinetto. Come solista ha svolto una intensa attività in tutto il mondo con direttori quali Markevitch, Giulini, Sawallisch, Marriner, Kurz, Previtali, Petrenko, Sinopoli, Maag, Gatti, Zecchi, Renzetti, Benedetti Michelangeli. Oltre alla sua regolare partecipazione nei concerti cameristici dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, ha collaborato con i Quartetti: Melos, Academica, della Scala, di Praga, Residence di Würzburg (con il quale ha registrato i Quintetti di Mozart e di Brahms) e con il Trio Ciaikovski. Ha suonato con Spivakov, Accardo, Ughi, Asciolla, Ameling, Gruberova, Gasdia, Antonacci, Hoffman, Sirbu, Giuranna, Campanella, Vernikov, Sitkoevski, Rachlin, Bogino, Bruno. Come direttore d’orchestra ha diretto concerti sinfonici e opere liriche in Italia, Germania e Sud America. Nel 1979 ha fondato il “Festival Internazionale delle Città Medievali di Anagni e Fiuggi”, di cui tuttora è il direttore artistico. Dal 2006 al 2012 ha ricoperto la carica di direttore artistico e musicale dell’Orchestra da Camera I Solisti Aquilani, con la quale ha realizzato tournée in Giappone Stati Uniti. É stato titolare della cattedra di clarinetto presso il Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Ha tenuto corsi di perfezionamento per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, in Germania e negli U.S.A.

 

FREDDY KEMPF

Nato a Londra nel 1977, ha debuttato in concerto a otto anni con la Royal Philharmonic Orchestra, con cui ha tuttora uno stretto legame e con cui ha suonato e diretto il ciclo completo dei Concerti per pianoforte di Beethoven in 11 concerti nei più importanti teatri del Regno Unito. Molti altri concerti con questa orchestra sono previsti per il futuro, anche al di fuori del Regno Unito. Kempf si è presentato alla ribalta nazionale nel 1992, vincendo il Concorso della BBC come Giovane Musicista dell’anno. È stato però il suo Terzo Premio al Concorso Ciaikovski di Mosca nel 1998 a lanciarlo rapidamente anche a livello internazionale. Il fatto che non gli fosse stato assegnato il Primo Premio infatti suscitò le proteste del pubblico ed ebbe ampio spazio sulla stampa russa, che lo proclamò “eroe del concorso”. Tra i direttori con cui ha suonato: Sir Andrew Davis, Kurt Sanderling, Daniele Gatti, Charles Dutoit, Vassili Petrenko, Riccardo Chailly, Yuri Temirkanov, Wolfgang Sawallisch, Vladimir Ashkenazy, Jiri Belohlavek, Neeme Jaarvi, Thomas Dausgaard e Mikhail Jurowski. Tra le orchestre: Royal Philharmonic Orchestra, Royal Liverpool Philharmonic, BBC Scottish Symphony, Philharmonia Orchestra, City of Birmingham Symphony Orchestra, Gothenburg Symphony Orchestra, Filarmonica della Scala, San Francisco Symphony, Philadelphia Orchestra, NHK Symphony, Tasmanian Symphony Orchestra e Filarmonica di Dresda.Tra i suoi impegni più recenti da segnalare quelli con la Taiwan National Symphony, RTV Slovenia Symphony Orchestra, Bergen Philharmonic e un tour di 12 concerti in Inghilterra con l’Orchestra Filarmonica di Mosca. Dopo il successo internazionale come solista e direttore, Kempf ha iniziato la stagione 2017/18 con un lungo tour con la New Zealand Symphony Orchestra; ha suonato il Concerto n.2 di Rachmaninov per inaugurare la stagione dell’Orchestra della Radio Rumena a Bucarest; il Concerto n.3 di Bartók con la NOSPR a Katowice e il Concerto di Grieg con la CBSO. La stagione 19/20 è iniziata con un ritorno in Giappone dove ha tenuto recital a Kanagawa, Tokyo e Osaka eseguendo il Concerto n.2 di Rachmaninov con la Nagoya Philharmonic Orchestra; con la Armenian National Philharmonic il Concerto in fa di Gershwin e sarà in tour in GranBretagna con la Siberian Symphony Orchestra, eseguendo i Concerti n.2 e n.3 di Rachmaninov. In recital ha suonato in sale da concerto internazionali: Sala Grande del Conservatorio Ciaikovski di Mosca, Konzerthaus di Berlino, Conservatorio di Milano, Cadogan Hall e South Bank di Londra, Suntory Hall di Tokyo e molte altre. Ha debuttato alla Fribourg International Piano Series in Svizzera, è tornato nella Sala Grande del Conservatorio di Mosca e ha eseguito da una serie di recital in Gran Bretagna. Il suo ultimo cd è dedicato a Ciaikovski. Del 2013 un cd Schumann e del 2010 l’incisione dei Concerti n.2 e n.3 di Prokofiev con la Bergen Philharmonic Orchestra e Andrew Litton (nomination per il Gramophone Concerto Award). A questo successo ha fatto seguito un’incisione delle Opere per pianoforte e orchestra di Gershwin nel 2012. Del 2011 è il disco Rachmaninov, Bach/Busoni, Ravel e Stravinsky. Scoperto per l’Italia da Serate Musicali, ne è ospite in ogni stagione a partire dal 1998.  (www.freddy-kempf.com)

Condividi