Violinista MAXIM VENGEROV – Pianista ROUSTEM SAITKOULOV

Lunedì 18 Febbraio 2019 ore 20:45
Verdi, Conservatorio di Milano _Via Conservatorio, 12
Biglietti: Intero € 35,00 – Ridotto € 30,00
 

MAXIM VENGEROV INAUGURA LA SERIE FESTIVAL OMAGGIO A MILANO 2019

 
Il violinista russo naturalizzato israeliano, riconosciuto come uno dei più grandi virtuosi del violino dei nostri tempi, torna a Milano per un concerto dedicato a Mozart, Schubert e Brahms, aprendo per Serate Musicali i 21 concerti della Serie Festival Omaggio a Milano 2019
 

Milano 08.02 – Non poteva che essere lui, Maxim Vengerov, con il suo violino ex-Kreutzer Stradivari del 1727, a inaugurare la serie “Festival Omaggio a Milano 2019”, la tradizionale seconda parte della stagione di Serate Musicali. In Sala Verdi al Conservatorio di Milano, lunedì 18 febbraio alle 20.45, accompagnato al pianoforte da Roustem Saitkoulov; definito dalla stampa internazionale “artista magnetico”, propone un programma dedicato a Mozart, Schubert e Brahms.
Tornato a Milano lo scorso anno, dopo una lunghissima assenza, proprio per Serate Musicali, in un trionfo di critica e pubblico, Maxim Vengerov – solista, direttore d’orchestra e impegnato in progetti d’insegnamento e supporto di bambini che vivono in difficili realtà sociali in Uganda, Tailandia, Balcani e Turchia, che gli sono valsi il titolo di Goodwill Ambassador internazionale dall’UNICEF – concede il bis al pubblico di Serate Musicali. Tre, come lo scorso anno, i compositori a cui è dedicato il concerto, che offrirà ai presenti la possibilità di ritrovare quel virtuosismo sovraumano, quella presenza magnetica, quella autentica poesia violinistica che la stampa internazionale ha più volte sottolineato in Vengerov.

 

Di J. Brahms eseguirà lo Scherzo in do minore per violino e pianoforte WoO 2 in la maggiore op. 100, di cui, come per tutte le Sonate di Brahms – proprio per Serate Musicali lo scorso anno aveva eseguito le Sonate n. 1 e n. 3 – il violinista russo ha più volte sottolineato il carattere unico, “summa” di tutti gli aspetti della vita musicale del compositore tedesco, sintesi della musica vocale, sinfonica e da camera, i tre ambiti a cui Brahms lavorò per tutta la vita. Quindi tre Danze Ungheresi: la n.1 in sol minore, la n. 2 in re minore e la n.5 in fa diesis minore.
Ad aprire il concerto, invece, la Sonata in si bemolle maggiore K 454 di W. A. Mozart seguita dalla Fantasia in do maggiore per violino e pianoforte op. 159 (D. 934) di F. Schubert. Composta nel dicembre del 1827 e articolata in quattro movimenti strettamente connessi tra loro (Andante molto, Allegretto. Andantino, Allegro vivace. Allegretto, Presto) la Fantasia schubertiana è il brano perfetto per mettere in luce le qualità virtuosistiche dello strumento solista.

 

Concerto d’apertura della Serie “Festival Omaggio a Milano 2019”, la tradizionale seconda parte della stagione di Serate Musicali, che quest’anno, da febbraio a giugno, propone 21 concerti – la metà esatta di questa 42° stagione sotto la direzione artistica del maestro Hans Fazzari –, la serata di lunedì 18 permetterà di godere del grande talento di Vengerov, spesso definito come uno dei più grandi virtuosi del violino dei nostri tempi.

 
Programma
W. A. MOZART
Sonata in si bemolle maggiore
F. SCHUBERT
Fantasia in do maggiore per violino e pianoforte op. 159 (D. 934)
J. BRAHMS
Scherzo in do minore per violino e pianoforte WoO 2
Sonata n.2 in la maggiore op. 100
Danza Ungherese n.1 in sol minore
Danza Ungherese n. 2 in re minore
Danza Ungherese n.5 in fa diesis minore
 

Biografie
 
Maxim Vengerov è apparso nell’ambito di concerti che hanno registrato regolarmente il “tutto esaurito” al fianco delle Orchestre e dei Direttori di maggior fama, annoverando, oltre al ruolo di solista, anche quello di Direttore d’Orchestra. Ha studiato come allievo di Galina Tourchaninova e di Zakhar Bron.
Ha tenuto la sua prima registrazione a 10 anni, le successive produzioni discografiche sono state immesse sul mercato per conto d famose etichette incluse Melodia, Teldec e EMI, peraltro premiate con Grammy Award e con il Premio Gramophone. Infaticabile nella ricerca dell’espressione creativa, Vengerov è stato ispirato da numerosi stili di musica tra cui il barocco, il jazz e il rock.
 
Si diploma con eccellenza come Direttore presso l’Istituto di Mosca Ippolitov – Ivanov nel Giugno 2014.
 
Nel corso delle recenti stagioni, Vengerov è apparso in veste di solista e di direttore al fianco delle migliori Orchestra del panorama musicale internazionale: Berlin Philharmonic, London Symphony Orchestra, BBC Symphony Orchestra, Toronto Symphony, Montreal Symphony Orchestra, Mariinsky Orchestra, Chicago Symphony Orchestra, spesso suonando come violino solista nella prima parte e apparendo in veste di direttore nella seconda. Il 2013 ha visto il lancio del Festival annuale di Maxim Vengerov a Tokyo con una serie di concerti, recitals e masterclass, nella quale combina la sua passione per la direzione, l’esecuzione musicale e l’insegnamento. Il Barbican Centre di Londra l’ha pubblicizzato in cinque diversi programmi come Artista in Residenza nel corso della stagione 2013/14; inoltre tourneé in Europa, Medio ed Estremo Oriente, in Cina con Long Yu e numerosi recitals in tutto il mondo dedicati al repertorio virtuosistico classico e romantico. Parallelamente ha assunto la posizione di Artista in Residenza presso la Oxford Philharmonic con la quale è stato in tourneé nel Regno Unito e ha registrato i Concerti di Brahms e Mendelssohn.Nel 2014/15 inaugura la Symphony Hall insieme a Long Yu e al celeberrimo pianista Lang Lang. Nel 2018, ha tenuto una trionfale tournee in Italia che ha registrato una vera e propria standing ovation tra Bologna, Milano, Torino e Roma.
 
Il 12 Novembre ha inaugurato l’attuale stagione dell’Orchestra Filarmonica della Scala sotto la direzione di Riccardo Chailly.
Una delle sue più grandi passioni resta tuttavia l’insegnamento. Incoraggiando giovani talenti, ha ricoperto diversi incarichi di insegnamento in tutto il mondo ed è attualmente Ambasciatore e Visiting Professor della Menuhin Music Academy in Svizzera (IMMA) e Visiting Professor come docente di violino, presso il Royal College of Music di Londra.
 
Nel 1997 stato il primo musicista classico a essere nominato Goodwill Ambassador internazionale dall’ UNICEF, posizione che gli ha permesso di continuare a ispirare i bambini in tutto il mondo attraverso la musica. In questo ruolo si è esibito per i bambini che vivono difficili realtà sociali e di vita, in Uganda, Tailandia, nei Balcani ed Turchia, contribuendo a raccogliere fondi per molti programmi assistiti dall’UNICEF. É tra l’altro anche un mecenate del progetto Miagi in Sud Africa, nato per mettere in contatti i bambini di diverse etnie attraverso la musica. A seguito del successo del Festival Vengerov di Tokyo, ha fondato il Primo Festival Vengerov in Israele.
Suona su un violino ex-Kreutzer Stradivari del 1727.
 

Roustem Saitkoulov è nato a Kazan (Russia). Ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di quattro anni è entrato a far parte del Conservatorio Kazan quando età di sei anni.
Ha successivamente proseguito i propri studi con Elisso Virsaladze presso il Conservatorio Caikovski di Mosca, dove ha conseguito il Diploma in Pianoforte, il perfezionamento definitivo è tuttavia avvenuto presso la Hochschule für Musik und Theater di Monaco di Baviera, dove ha conseguito il Master.
 
Roustem Saitkoulov ha vinto numerosi concorsi internazionali: Gran Premio di Montecarlo World Piano-Master, istituito dal defunto Principe Ranieri III di Monaco; Concorso Pianistico F. Busoni , Bolzano, Italia; UNISA Concorso, Pretoria; Zurigo; Concorso Marguerite Long, Parigi; Primo Premio nell’ambito del Concorso Pianistico di Roma. Appare frequentemente con orchestre di fama mondiale: Royal Philharmonic Orchestra, Monte Carlo Philharmonic Orchestra, Orchestra Sinfonica di Praga, SinfoniaVarsovia, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Tonhalle di Zurigo, Filarmonica di San Pietroburgo, Tokyo NewCity Orchestra, Bejing Symphony Orchestra.
 
Innumerevoli i recitals tenuti presso i principali centri musicali: Russia, Cina, Giappone, Cile, Argentina, Messico, Stati Uniti, Canada, Sud Africa, Europa. Rammentiamo inoltre inviti presso i principali Festivals Europei: Montreux, La Roque d’Anthéron (Francia), Bologna Festival, Festival di Brescia-Bergamo, Merano Festival, Piano aux Jacobins (Toulouse, Francia), Festival de Radio France-Montpellier, Printemps des Arts di Montecarlo e Mentone Festival.
 
Altrettanto numerosi i concerti eseguiti nel corso delle partecipazioni a trasmissioni radiofoniche. Inoltre registrazioni pubblicate da EMI Classics e Dinemec Classics. Più recentemente master Chord Records ha pubblicato la sua registrazione dei due Concerti per pianoforte di Chopin con la Royal Philharmonic Orchestra, e l’etichetta IndéSENS ha immesso sul mercato la registrazione del Concerto per pianoforte n ° 1 di Dmitri Shostakovich.
 
Roustem Saitkoulov è un interprete straordinario e attivissimo in ambito cameristico. Partner pianistico abituale di Vengerov, si esibisce inoltre con Jean-Jacques Kantorow, Pierre Amoyal, Dmitri Sitkovetsky, Olivier Charlier, Xavier Phillips, Laurent Korcia, SvetlinRoussev, Sayaka Shoji.

Condividi