«Vorrei sapere la musica: Luigi Pirandello e i suoi musicisti»

Giovedì 30 Novembre 2017, ore 18:00

Palazzo Sormani – Sala del Grechetto – Via Francesco Sforza, 7 – Milano

In occasione del 80° anniversario della scomparsa di Luigi Pirandello

Narratore: Luca SCARLINI
Pianista: Daniele LOMBARDI

Maggiori dettagli sull’evento

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
tel. 02 29408039 – e.mail ufficiostampa@seratemusicali.it

LUCA SCARLINI – Scrittore, drammaturgo, performance artist, laureato in storia dello spettacolo a Firenze, insegna tecniche narrative alla Scuola Holden di Torino e ha collaborato con numerose istituzioni teatrali italiane ed europee (National Theatre di Londra, Festival MITO, compagnia Lod a Ghent, Festival Opera XXI ad Anversa, La Batie a Ginevra). Scrive per la musica e per la danza; tra i suoi lavori recenti la drammaturgia per King Arthur di Dryden/Purcell per la messinscena ed esecuzione di Motus con Sezione Aurea.  Dal 2004 al 2008 è consulente artistico del Festival MilanOltre al Teatro dell’Elfo di Milano.  È stato direttore artistico di TTv a Bologna, ha coordinato le attività della Capitale Mondiale del Libro a Torino.  Ha insegnato Storia della Moda all’Accademia di Brera e a IED Moda a Milano, Barcellona e Firenze. Ha collaborato alle mostre Ispirazioni e visioni e Marilyn al Museo Ferragamo di Firenze e ha ripubblicato La penultima moda di Alfredo Panzini. Ha scritto numerosi saggi sulla relazione tra la moda e le arti, pubblicati in italiano e inglese. Tra i suoi libri recenti: Lustrini per il regno dei cieli (Bollati Boringhieri), Sacre sfilate (Guanda), dedicato alla moda in Vaticano, Un paese in ginocchio (Guanda), La sindrome di Michael Jackson (Bompiani), Andy Warhol superstar (Johan and Levi), Siviero contro Hitler (Skira), Memorie di un’opera d’arte (Skira). É il coordinatore del programma “Museo Nazionale” di Radio3; nell’ autunno 2014 ha condotto tre appuntamenti dedicati alla storia dell’Operetta, organizzati dagli Amici di Serate Musicali alla Società del Giardino e alla GAM di Milano.

Daniele LOMBARDI : Compositore, pianista e artista visivo, ha un vasto repertorio di musica delle avanguardie storiche degli inizi del Novecento. A lui si deve la prima esecuzione moderna di molte composizioni di musica futurista italiana e russa di autori quali Alberto Savinio, George Antheil, Leo Ornstein, Alexandr Mossolov, Arthur Vincent Lourié (nel 2009 alla Stanford University per il centenario del Futurismo e nel 2014 al Museo Guggenheim di New York in occasione della grande mostra sul Futurismo). Esperto di grafia musicale contemporanea e prassi, ha da sempre avuto un profondo interesse per un’idea multimediale dell’arte; la doppia formazione di studi musicali e visuali lo ha posto in una dimensione che ingloba segno, gesto e suono in una sola idea di percezione molteplice, tra analogie, contrasti, stratificazioni e associazioni. Dal 1969 ha prodotto disegni, dipinti, computer graphics, video, che sono frutto della transcodifica in immagini di un pensiero musicale, come una visualizzazione di energie che stanno a monte del suono stesso, come potenziale divenire. Le sue Tre Sinfonie per 21 pianoforti sono state eseguite a Firenze, Milano, Parigi, Berlino, New York; presente in importanti sedi concertistiche e festivals come Maggio Musicale Fiorentino, Biennale Musica di Venezia, Ravenna Festival, ha suonato in tutto il mondo e ha pubblicato numerosi CD. Ha diretto per alcuni anni a Roma il Festival Nuova Musica Italiana e Nuova Musica Internazionale; ha fondato e diretto con Bruno Nicolai la rivista di musica contemporanea La Musica e si è occupato delle linee di programmazione artistica della Casa Editrice Musicale Edipan e del progetto Sonavolant con 103 Ed. Musicali. Numerosi musei e istituzioni pubbliche e private hanno ospitato sue installazioni visive e sonore, fra questi ricordiamo: Londra, I.C.A. Institut of Contemporary Arts, 1992; Parigi, Istituto Italiano di Cultura, Hotel de Galiffet, 1993; Cairo, Centro delle Arti Zamalek, 1996; Milano, Fondazione Mudima, 1997; Pistoia, Museo Fabroni, 1998; Prato, Museo Pecci, 1998; Los Angeles, IIC Spazio Italia, 2000; Roma, MLAC Museo Laboratorio di Arte Contemporanea, Roma Università della Sapienza, 2006; Firenze, Giardino di Boboli, 2006; Milano, Fondazione Mudima, 2007; Firenze, Palazzo Pitti, 2013, Roma, Macro 2016.

Condividi Continua…
>