Set
20
Lun
2021
ORCHESTRA ANTONIO VIVALDI – L. PASSERINI – G. LAVIA @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano
Set 20@8:45 pm
ORCHESTRA ANTONIO VIVALDI - L. PASSERINI - G. LAVIA @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano

ORCHESTRA ANTONIO VIVALDI

Direttore e trombone solista LORENZO PASSERINI

Attore GABRIELE LAVIA

Pittore ALESSANDRO BAZAN

Drammaturgia ALFONSO ALBERTI

Animazione FABIOLA NICOLETTI

 

Programma

ANDREA PORTERA (*1973)

Caron, il traghettatore per l’inconscio

Trittico per trombone e orchestra

dedicato a Lorenzo Passerini, alla Stagione concertistica “Serate Musicali”, e all’Orchestra Antonio Vivaldi nel decimo anniversario della fondazione

PRIMA ESECUZIONE ASSOLUTA

 

SERGEJ PROKOFIEV (1891-1953)

Pierino e il lupo, op. 67

Favola sinfonica per voce narrante e orchestra

NUOVA PRODUZIONE “ORCHESTRA ANTONIO VIVALDI”

Scarica il libretto di sala

SI RACCOMANDA VIVAMENTE DI IMPOSTARE I TELEFONI CELLULARI IN MODALITÀ SILENZIOSA
Si ricorda che è vietato registrare senza l’autorizzazione dell’Artista e dell’organizzazione

 

ORCHESTRA ANTONIO VIVALDI
L’Orchestra Antonio Vivaldi nasce nel dicembre 2011e in poco tempo diviene una realtà stabile nel panorama musicale italiano, vantando collaborazioni con le maggiori stagioni concertistiche, festival e istituzioni del Paese.
I suoi componenti sono selezionati tra i più promettenti giovani musicisti del panorama europeo con all’attivo esperienze nelle più importanti orchestre del mondo quali: London Symphony Orchestra, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Orchestra Filarmonica del Teatro alla Scala, accomunati tutti dal desiderio di dare vita a una realtà artistica giovane e nuova.
L’Orchestra ha all’attivo più di duecento concerti sinfonici, tenutisi nelle maggiori sale concertistiche e teatri (Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Scuola Grande di San Rocco di Venezia, Teatro Bibiena di Mantova, Teatro Sociale di Como, Comunale di Vicenza e Filarmonico di Verona. La tournée intrapresa in Spagna nel 2014, registrando sempre il tutto esaurito, sancisce il debutto dell’Orchestra sulla scena europea. Le esperienze internazionali proseguono in Svizzera e Lussemburgo. Nel dicembre 2019 si esibisce in Cina in una tournée di sei concerti.
Nel 2015, a soli 4 anni dalla propria fondazione, l’Orchestra diviene orchestra residente della stagione concertistica delle “Serate Musicali” di Milano, guadagnandosi così un ruolo di primo piano all’interno di un cartellone condiviso dai più grandi artisti del panorama mondiale. Sempre nel 2015 l’Orchestra ha inoltre inaugurato il neonato Teatro Sociale di Sondrio con l’esecuzione della Sinfonia n.9 di Beethoven, riscuotendo un grandissimo successo di pubblico e critica. A partire dalla stagione 2016/2017 l’Orchestra diviene inoltre “residente” presso lo stesso teatro.
Il repertorio dell’Orchestra Vivaldi si spinge sino ad abbracciare la musica contemporanea, attraverso continue collaborazioni con alcuni tra i più importanti compositori della scena nazionale quali Silvia Colasanti, Fabio Vacchi, Giorgio Battistelli, Piergiorgio Ratti, Andrea Portera. Vanta inoltre collaborazioni con direttori d’orchestra e solisti di fama mondiale. La giovanissima direzione artistica è composta da Lorenzo Passerini (direttore musicale) ed Ernesto Colombo (direttore di produzione). L’attività dell’Orchestra è sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e da Regione Lombardia.


LORENZO PASSERINI
Nato a Morbegno nel 1991, si diploma a pieni voti in trombone al Conservatorio di Como nel 2009 e consegue il Diploma Accademico di II Livello presso il Conservatorio d’Aosta con il massimo dei voti e lode nel 2014. Come trombonista ha intrapreso tournée in tutto il mondo sotto la direzione di Axelrod, Boreyko, Luisi e Muti. Nel 2010 inizia lo studio della direzione d’orchestra con Ennio Nicotra, frequentando lezioni con Axelrod, Caldi, Serembe, Mianiti, Caetani e Negri. Inizia la carriera come direttore d’orchestra nel dicembre 2011, alla guida dell’Orchestra Antonio Vivaldi, da lui fondata insieme al compositore Piergiorgio Ratti. Con questa realtà dirige oltre dieci produzioni sinfoniche all’anno. Il suo progetto più ambizioso è stato la tournée in Cina di gennaio 2020, che ha visto l’Orchestra esibirsi in sei diverse città cinesi, sempre sotto la guida del suo direttore musicale.
Lorenzo Passerini è dedicatario di brani in prima esecuzione assoluta di Piergiorgio Ratti, Antonio Eros Negri, Andrea Battistoni e Andrea Portera. Nel 2016 ha debuttato come direttore ospite dell’Orchestra ICO della Magna Grecia e dell’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta, in occasione del XXVIII concorso lirico internazionale “Iris Adami Corradetti”. L’anno successivo dirige le Orchestre: Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, della Fondazione Arena di Verona, Regionale Toscana, dell’Opera Nazionale Rumena, Sinfonica di Sanremo, CamerataVienna, di Stato del Messico e la Milano Chamber Orchestra. Nello stesso anno è stato assistente di Oleg Caetani al Teatro d’Opera di Helsinki nell’opera Lady Macbeth del distretto di Mcensk di Shostakovich.
Direttore artistico e musicale dell’Orchestra Antonio Vivaldi dalla sua fondazione, è dal 2017 direttore artistico della Stagione Sinfonica del Teatro Sociale di Sondrio e dell’Associazione “Amici della Musica” di Sondalo. Dal 2015 collabora con Nicola Luisotti in produzioni operistiche nei maggiori Teatri europei: Royal Opera House di Londra, Teatro Real di Madrid e Teatro alla Scala di Milano. Nell’autunno del 2018 è suo assistente nella produzione per la messa in scena di Turandot di Puccini al Teatro Real di Madrid. Sempre nello stesso anno dirige nuovamente le Orchestre: Fondazione Arena di Verona, Padova e del Veneto, Sinfonica Metropolitana di Bari e la DITTO Orchestra con il soprano Sumi Jo in occasione di un tour in Corea del Sud. Nel 2019 dirige la State Symphony Orchestra “Novaya Rossiya” alla Tchaikovsky Hall di Mosca con il soprano Nadine Sierra, il Concerto all’alba del Ravello Festival alla guida della Sinfonica di Salerno, Tosca al Teatro Regio di Torino in sostituzione di Daniel Oren, i Carmina Burana di Orff al Teatro dell’Opera di Varsavia e un concerto di gala con il tenore Francesco Demuro al Teatro dell’Opera di Sassari.
Il 2020 lo vede impegnato al Teatro dell’Opera di Sydney con il Faust di Gounod, al Teatro Real di Madrid con Un ballo in maschera nel quale divide il podio con Nicola Luisotti, a Parma con l’Orchestra Filarmonica Toscanini e a Genova con l’Orchestra del Teatro “Carlo Felice”.
Nel 2021 dirige l’Orchestra Sinfonica Siciliana e debutta al Teatro di Las Palmas a Gran Canaria (con La Cenerentola di Rossini). Presto sarà alla Sydney Opera House (con Aida e Carmen), alla Queensland Opera di Brisbane (con Aida) e al Theatre de Champes Elysée di Parigi, in un gala con il soprano Pretty Yende. Nel 2022 debutterà al Teatro San Carlo di Napoli, al Teatro dell’Opera di Francoforte, al Teatro dell’Opera di Essen, al Rossini Opera Festival di Pesaro, al Turku Festival in Finlandia, al Théâtre du Capitole di Tolosa e alla Fort Worth Symphony Orchestra, in Texas.


GABRIELE LAVIA
Figura tra le più rappresentative del teatro italiano degli ultimi quarant’anni, Gabriele Lavia cresce a Torino, la città dove la famiglia di origine siciliana si è trasferita. Debutta come attore teatrale nel 1963 dopo il diploma all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica. Si rivela al grande pubblico recitando nello sceneggiato televisivo Marco Visconti (con Raf Vallone e Pamela Villoresi), per la regia di Anton Giulio Majano, nella parte di Ottorino Visconti.
Per il Teatro alla Scala di Milano nel 1969 è il Servo della casa di Laio in Edipo re di Sofocle con musiche di scena di Andrea Gabrieli per regia di Giorgio De Lullo. Nel 1983 cura la regia di Les pèlerins de la Mecque di Christoph Willibald Gluck con Cecilia Gasdia nella Piccola Scala, nel 1984 la regia di I Lombardi alla prima crociata di Giuseppe Verdi con Silvano Carroli, Ghena Dimitrova e Josè Carreras diretto da Gianandrea Gavazzeni e nel 2011 di Attila con Orlin Anastassov diretto da Nicola Luisotti. È stato diretto in teatro da molti importanti registi tra i quali Giancarlo Sbragia, Luigi Squarzina, Giorgio Strehler, Mario Missiroli, Marco Sciaccaluga.
Regista lui stesso, negli anni Settanta e Ottanta partecipa a fondamentali pellicole horror, tra le quali Profondo Rosso e Inferno di Dario Argento e infine Zeder di Pupi Avati, diventati tutti autentici cult del genere. Come regista teatrale esordisce nel 1975 con Otello di Shakespeare e come regista cinematografico, nel 1983 con il film Il principe di Homburg , grazie al quale si aggiudica il Nastro d’Argento come miglior regista esordiente).
Come attore cinematografico è stato diretto anche da Francesco Nuti, Dario Argento, Gabriele Muccino, Tonino Cervi, Giuseppe Tornatore, Pupi Avati, Francesco Maselli, Damiano Damiani, Mauro Bolognini. Nel 1989 con Giancarlo Volpi fonda a Milano la Compagnia Lavia. È stato co-direttore artistico del Teatro Eliseo di Roma, direttore artistico del Teatro Stabile di Torino e del festival “Taormina Arte”,nel 1993. Nel 2004 è il vincitore del Premio Olimpici del Teatro per la migliore regia e per il migliore spettacolo (L’avaro di Molière).
Ha prestato la sua voce in alcuni doppiaggi, come Hugo Weaving in V per Vendetta (2005) e Stanley Tucci in Il diavolo veste Prada (2006). Nel 2008 è stato presidente di giuria del Gran Premio Internazionale del Doppiaggio. Al Teatro Verdi (Trieste) nel 2011 ha curato la regia dell’opera Salomè diretta da Stefan Anton Reck.


ALESSANDRO BAZAN
Nato a Palermo nel 1966, è pittore, disegnatore, docente di Pittura e Disegno anatomico presso l’Accademia di Palermo.
Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Ha collaborato con i “Quaderni de l’Ora” e con il “Corriere della sera” in veste di disegnatore. Ha scelto la pittura come strumento per esprimere le tinte forti di Palermo e la varietà dei caratteri umani dei suoi abitanti.
Sin dalle prime mostre all’inizio degli Anni Novanta, Bazan elabora un linguaggio sintetico e fortemente espressivo che si rifà sia alla tradizione della pittura che ad altri territori della cultura visiva, fumetto e cinema noir in testa, riuscendo a essere allo stesso tempo estremamente colto e popolare.
L’ambientazione preferita dei suoi quadri è una quotidianità allucinata e indolente, a tratti grottesca a tratta malinconica, in cui uomini e donne si muovono in interni domestici ma anche in improbabili foreste o spiagge, dipinti con pennellata veloce e colori accesi e contrastati. Ricorrente è anche la scelta di temi e soggetti legati alla passione di Bazan per il jazz, la musica che più si avvicina, con tutti i suoi scarti e le sue improvvisazioni, al modo di dipingere dell’artista (A.T.) Bazan vive e lavora a Palermo.


ALFONSO ALBERTI
Nato nel 1976, ha studiato con Rattalino e Risaliti; ha seguito corsi di perfezionamento con Damerini, Tureck, Scala e Marshev.
Ha esordito nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano a diciassette anni con il Quarto Concerto di Rachmaninov e l’Orchestra della RAI. Ha suonato al Konzerthaus di Vienna, al Teatro Dal Verme di Milano, al Passionsspielhaus di Erl, al LACMA di Los Angeles, ai giardini della Guggenheim Collection a Venezia e Villa Pisani Bonetti a Bagnolo di Lonigo – capolavoro giovanile di Andrea Palladio e patrimonio dell’UNESCO – collaborando con Kuhn, Ceccherini, Tamayo, Valade, Scogna, Sugiyama e Parisi. Ha suonato con il flautista Pierre Yves Artaud, il percussionista Maurizio Ben Omar e il trombonista Barry Webb; collabora stabilmente con l’Ensemble Prometeo e con altre formazioni cameristiche.
Ha realizzato numerosi CD tra i quali “Cangianti”, dedicato all’opera integrale per pianoforte solo di Niccolò Castiglioni, “Dispositions furtives”, con musiche per pianoforte solo di Gérard Pesson e un CD con il Concerto per pianoforte e orchestra di Goffredo Petrassi. Degno di nota è l’impegno di Alberti per la divulgazione e la promozione della musica del secolo appena trascorso, con un repertorio che spazia dalle avanguardie storiche fino ai compositori più giovani.
Sono state da lui tenute a battesimo composizioni per pianoforte solo di Jacopo Baboni Schilingi, Paolo Castaldi, Osvaldo Coluccino, Giorgio Gaslini, Stefano Gervasoni, Giuseppe Giuliano, Daniele Lombardi, Alessandro Melchiorre, Fabio Nieder, Gérard Pesson, Robert H.P. Platz, Fausto Razzi, Gil Shohat, Giuseppe Sinopoli, Alessandro Solbiati, Yoichi Sugiyama, Martino Traversa e altri compositori, anche della generazione più giovane. Alfonso Alberti svolge un’intensa attività pianistica in Europa e negli USA alla quale affianca quella di musicologo: ha pubblicato “Niccolò Castiglioni, 1950-1966” (LIM, 2007), “Vladimir Horowitz” (L’Epos, 2008) e “Le Sonate di Claude Debussy” (LIM, 2008). A lui, il canale televisivo Sky Classica ha dedicato un documentario per la serie “Notevoli”.


ANDREA PORTERA
Con un catalogo di oltre 160 titoli, l’opera di Portera esplora l’universo sonoro attraverso una prospettiva antropologica, soprattutto nelle connessioni che la musica genera con l’emozione e l’inconscio umano.
Il suo lavoro compositivo ha ottenuto consensi e riconoscimenti da grandi nomi del mondo della musica come Berio, Lindberg, Kalevi Aho, Fedele, Noseda, Rhim, Morricone, Vacchi, Sciarrino, Abbado, Osokawa, Luis De Pablo etc…
Tra i numerosi riconoscimenti ricordiamo il prestigioso Uuno Klami, tra i più importanti al mondo; inoltre nel 2001 e nel 2012 ha ricevuto, per meriti artistici, le Medaglie della Repubblica dai Presidenti Carlo Azelio Ciampi e Giorgio Napolitano.
Le sue opere sono state eseguite da: Tokyo Philarmonic, Orchestra Sinfonica della Rai, Bbc Philarmonic, Kymi Sinfonietta, Maggio Musicale Fiorentino, Symphonic Orchestra of the Slovak Radio, Orchestra Nazionale dell’Estonia, Orchestra Nazionale della Grecia, Orchestra Regionale Toscana (ORT), SPCO Chamber Orchestra in Minnesota, “Pomeriggi Musicali” di Milano, Orchestra Vivaldi, Orchestra da Camera Fiorentina e importanti gruppi cameristici, tra cui Arditti Quartet e Quartetto Indaco, Dedalo Ensemble, Stresa Festival Ensemble, Birmingham Contemporary Music Group, Solisti di Zagabria, Ensemble Altrevoci, Mdi Ensemble, Laboratorium Ensemble, Nuovo Contrappunto Ensemble, ContempoArte Ensemble, Quartetto Accademia.
Le sue opere sono state dirette da Noseda, Rustioni, Passerini, Sollima, Kawka, Iwamura, Gazon, Logiadis, Carrasco, Peleggi, Boccadoro, Montanari, Guttman, etc.
Per il teatro ha collaborato con numerosi autori, attori e coreografi, scrivendo musiche per Stefano Massini, Sandro Lombardo, Michele Placido, Ottavia Piccolo, Milena Vukotic, Maddalena Crippa.
Portera svolge un’intensa attività didattica alla Scuola di Musica di Fiesole, dove insegna composizione al triennio universitario e promuove l’operato di molti giovani compositori.
Le sue opere sono state pubblicate da Suvini Zerboni, RaiTrade, Eurarte, Premio Bucchi, Le Monnier, Fondazione Guido D’Arezzo, Hudobne Centrum Slovakia, Fondazione Botin. Dal 2010 è un autore della casa editrice Ema Vinci Edizioni.
Andrea Portera è responsabile Ricerca & Sviluppo PERLART, la sezione di PER Lab (Laboratorio di Psicologia, Emozioni & Ricerca – spin-off dell’Università di Firenze in partnership con il Yale Center for Emotional Intelligence).


“Caron” è la figura che traghetta chi è destinato a oltrepassare dei confini e visitare terre misteriose, temute, ma inevitabili per raggiungere l’illuminazione.
Dante entra così negli antri del suo inconscio; allo stesso modo ognuno di noi ha bisogno di (un) Caronte come tramite per oltrepassare i limiti della propria consapevolezza e cogliere un’intuizione più forte.
Il trittico per trombone e orchestra ha nel solista l’incarnazione del traghettatore, che si presenta all’inizio come una sirena svegliante (Sib-Sol) e diffonde le sue litanie con voci diverse, echi di mondi archetipici che rappresentano la meta del viaggio.
Nella mia produzione Caron occupa un ruolo evolutivo nel processo creativo e si pone come musica che deve parlare una lingua odierna, rivolta a un’umanità molto più complessa e ricca di sfumature psicologiche di quanto lo sia mai stata prima. Per farlo l’Intelligenza Emotiva e le neuroscienze ci indicano la strada: impossibile comunicare un’informazione senza il traghetto dell’emozione e l’intensificazione della ripetizione, soprattutto quella implicita e occulta, che ripete senza farsene accorgere troppo…
E per traghettare tutto nell’inconscio più profondo è necessaria la grande conquista del XX secolo: l’astrazione, l’indefinitezza, l’inafferrabilità.
Emozione, ripetizione e astrazione sono gli ingredienti per offrire all’ascoltatore le vie per un dialogo profondo con se stesso, nutrendo forse ciò che è più importante in quest’epoca: l’empatia.
Andrea Portera

*******

Pierino e il lupo (1936) di Sergej Prokof’ev è brano famosissimo. La notorietà della composizione è ben giustificata: Pierino e il lupo, pur avendo in sé meraviglie che evidentemente si svelano meglio a un ascolto ripetuto, e magari sempre più informato, è uno di quei brani che hanno un “primo livello” di ascolto particolarmente semplificato, cristallino, adatto alla fruizione da parte di un pubblico molto giovane o comunque inesperto. Si aggiunga l’aspetto del divertimento e il piacere enigmistico di associare i personaggi della fiaba agli strumenti musicali e poi riconoscerli durante l’esecuzione. Piacere, quest’ultimo, che evidentemente diventa espediente didattico: per il pubblico più giovane è un’occasione per andare alla scoperta di quel mondo meraviglioso che è l’orchestra.
Di questo capolavoro di Prokof’ev si dà in questa occasione un nuovo allestimento, immaginato da Lorenzo Passerini e andato in scena prima d’ora solo al Politeama Garibaldi di Palermo. Il testo recitato è nuovo, scritto da Alfonso Alberti, cioè da chi sta scrivendo queste righe. La voce recitante è quella, magistrale, di Gabriele Lavia. E l’allestimento è completato da scene e disegni realizzati ad hoc dal pittore
Alessandro Bazan. Al pubblico dell’Orchestra Vivaldi viene porto un Pierino e il lupo che racconta evidentemente la medesima storia, ma ponendosi quesiti in parte diversi e gestendo diversamente l’energia che sprigiona dalle pagine di Prokof’ev.

In apertura di programma, una prima esecuzione assoluta del compositore Andrea Portera. In quest’anno in cui si commemora il settecentesimo anniversario della morte di Dante, si ascolterà un Caron, il traghettatore per l’inconscio. Il nocchiero infernale dagli «occhi di bragia» non svolgerà la sua opera di traghettatore su un fiume, sia pur infernale: ma su quel particolarissimo fiume che ci portiamo dentro, immagini slanci bisogni paure nascosti anche alla coscienza. In questo viaggio, assieme alla compagine orchestrale, farà da nocchiero una voce di trombone solista, affidata allo stesso (e poliedrico) Lorenzo Passerini.
Alfonso Alberti

Set
27
Lun
2021
LA MAGNIFICA COMUNITÀ – E. CASAZZA – R. MILANESI @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano
Set 27@8:45 pm

Ensemble strumentale barocco LA MAGNIFICA COMUNITÀ

Direttore e solista ENRICO CASAZZA

Soprano RAFFAELLA MILANESI

Programma

PROLOGO – VENEZIA
D. GALLO
Sonata La Follia per 2 violini, viola, violoncello e continuo

TURCHIA
G.F. HÄNDEL
da Il Tamerlano Sinfonia HWV 18 : Asteria, “S’ei non mi vuol amare”
A.VIVALDI
da Bajazet: “”Sposa son disprezzata””

PERSIA
J.A. HASSE
da Artaserse: Ouverture “Son qual nave”

INDIA
A. VIVALDI
Concerto per violino, archi e basso continuo in re maggiore “Grosso Mogul”
G. F. HÄNDEL
da Alessandro HWV 21: Lisaura, “Che tirannia d’amor”
Lisaura, “Si, m’è caro imitar quel bel fiore”

CINA
A. VIVALDI
da Il Teuzzone RV 736: Sinfonia
Zidania, “Al fiero mio tormento”
Zidania, “Io sembro, appunto quell’augelletto”

Ott
4
Lun
2021
L’APPASSIONATA – Lorenzo Gugole – M. Ferrazzini @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano
Ott 4@8:45 pm
L’APPASSIONATA - Lorenzo Gugole - M. Ferrazzini @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano

MILO FERRAZZINI – violoncello

L’APPASSIONATA – orchestra

Lorenzo GUGOLE – maestro concertatore

«Concerto sostenuto da Gaspari Foundation e BPER Banca»

Programma

G. P. TELEMANN
Suite da “Don Quixote”

F. J. HAYDN
Concerto per Violoncello in Do maggiore

L. BOCCHERINI
Sinfonia in Re minore “La Casa del Diavolo” Op. 12 No. 4

Ott
11
Lun
2021
Pianista PIOTR ANDERSZEWSKI @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano
Ott 11@8:45 pm
Pianista PIOTR ANDERSZEWSKI @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano

Programma

J. S. BACH
Il Clavicembalo ben temperato (Libro II

Ott
18
Lun
2021
ORCHESTRA CUPIDITAS – VENERI – KEMPF @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano
Ott 18@8:45 pm
ORCHESTRA CUPIDITAS - VENERI - KEMPF @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano

ORCHESTRA CUPIDITAS

Direttore PIETRO VENERI/h4>

Pianista FREDDY KEMPF

Programma

E. GRIEG
Concerto in la minore per pianoforte e orchestra op.16

L. V. BEETHOVEN
Sinfonia n. 7 in la maggiore op.92

Ott
25
Lun
2021
KLAIPĖDOS KAMERINIS ORKESTRAS – FRATTIMA – PASCALUCCI @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano
Ott 25@8:45 pm

KLAIPĖDOS KAMERINIS ORKESTRAS

Direttore CHRISTIAN FRATTIMA

Pianista FIORENZO PASCALUCCI

Pittorialismo e neo-pittorialismo musicale tra Italia e Lituania

Programma

B. DVARIONAS
Concerto per pianoforte e orchestra da camera n.2 in sol minore

N. ROTA
Concerto per archi

L. BOCCHERINI
Sinfonia op.12 n.4 in re minore “Casa del diavolo”

J. TAMULIONIS
Toccata Diavolesca op.201

Ott
28
Gio
2021
Violoncellisti GIOVANNI SOLLIMA e MARIO BRUNELLO @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano
Ott 28@8:45 pm
Violoncellisti GIOVANNI SOLLIMA  e MARIO BRUNELLO @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano

Programma

A. MELCHIORI
Preludio e altri brani da La Traviata di G.Verdi

I. STRAVINSKY
“Suite Italienne” (versione di Heifetz/Piatigorsky)

U. W. WASSENAER
Corale “Gebed voor de Predicatie”

E. COSTELLO
“Miss Machbet”

D. GALLO
Sonata da definire

L. BOCCHERINI
2 Fughe
Sonata in si bemolle

G.B. PERGOLESI
Sinfonia in fa maggiore

BACH/DEREVIANKO
Ciaccona

A. STRADELLA
“Pietà Signore”

G. SOLLIMA
Fandango (after Boccherini)

THE QUEEN
Bohemian Rhapsody

Nov
8
Lun
2021
Pianista ZLATA CHOCHIEVA @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano
Nov 8@8:45 pm
Pianista ZLATA CHOCHIEVA @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano

Programma
M. RAVEL
Miroirs (integrale)

BACH-FRIEDMAN
Concerto Brandeburghese n.3 in sol maggiore BWV 1048: I. Vivo

SCHUBERT-LISZT
da “Die schöne Müllerin”:
“Wohin?” S.565 bis, n.5 (seconda versione)
“Auf dem Wasser zu singen” S.558 n.2

MENDELSSOHN-LISZT
Dai “Lieder di Mendelssohn” S.547:
Auf Flügeln des Gesanges

MENDELSSOHN-RACHMANINOV
Da “Sogno di una note di mezza estate” op. 61:
Scherzo

MAHLER-FRIEDMAN
Da “Sinfonia n.3 in re minore”:
II. Tempo di Menuetto

GARTNER-FRIEDMAN
Da “Sei Danze Viennesi”:
I. Tempo di Valse lente

Nov
15
Lun
2021
ORCHESTRA FILARMONICA ITALIANA – M. ALBONETTI @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano
Nov 15@8:45 pm
ORCHESTRA FILARMONICA ITALIANA  - M. ALBONETTI @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano

ORCHESTRA FILARMONICA ITALIANA

Sassofono MARCO ALBONETTI

Programma

A. PIAZZOLLA
Cuatro Estaciones Porteñas (Otoño Porteño, Invierno Porteño, Primavera
Porteña, Verano Porteño)
Romance del Diablo
Oblivion
Años de Soledad
Libertango

(Orchestrazione di Marco Albonetti / Pablo Ziegler)

Nov
22
Lun
2021
Pianista ELISSO VIRSALADZE @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano
Nov 22@8:45 pm
Pianista ELISSO VIRSALADZE @ Sala Verdi del Conservatorio di Milano

Programma

W. A. MOZART
Fantasia in do minore KV 396
9 Variazioni in do maggiore su “Lison dormait” KV 264

F. CHOPIN
Mazurca in do diesis minore op.30 n.4
Mazurca in do maggiore op.33 n.2
Ballata n.2 in fa maggiore op.38

W. A. MOZART
Fantasia in do minore KV 475
Sonata in do minore KV 457

F. CHOPIN
Notturni op.27 n.1 e n.2
Ballata n.3 in la bemolle maggiore op.47