Violinista ILYA GRINGOLTS

Lunedì 12 Febbraio 2018, ore 20:30
Sala Verdi, Conservatorio di Milano _Via Conservatorio, 12

Maggiori dettagli sull’evento

A dispetto della sua giovane età, Ilya Gringolts può già vantare una straordinaria esperienza in campo musicale di ben quindici anni di successi. Il suo costante interesse nel volersi cimentare in nuove sfide musicali lo ha portato ad essere un musicista dalle caratteristiche eccezionali.

Dopo aver studiato violino e composizione a San Pietroburgo con Tatiana Liberova e Jeanna Metallidi, ha frequentato la Juilliard School di New York dove ha avuto come insegnante Itzhak Perlman. Nel 1998 ha vinto il Concorso Internazionale ‘Premio Paganini’ per violinisti nel 1998, il più giovane vincitore di sempre. Ha suonato in prima esecuzione opere di Peter Maxwell, Augusta read Thomas, Christophe Bertrand e Michael Jarrell. In occasione del Festival di Verbier dell’estate del 2010 ha suonato il ciclo completo delle Sonate di Bach su un violino barocco insieme a Masaaki Suzuki. È inoltre primo violino del Gringolts Quartet, da lui fondato nel 2008.

Nella stagione 2013/2014 Ilya Gringolts si esibisce in come solista con la Bamberg Symphony (diretta da Eivind Aadland), la Filarmonica di Copenhagen (diretta da Santtu-Matias Rouvali), l’Orchestra  Sinfonica Islandese (Ilan Volkov), l’Orchestra Sinfonica della BBC Scozzese (Ilan Volkov), l’Orchestra Sinfonica di Taipei (Oleg Caetani), la Columbus Symphony (Thomas Wilkins) e l’Orquesta Sinfónica de Galicia (Osmo Vänska). Apparirà inoltre in esibizioni di musica da camera ai Festival di Verbier e Gstaad e, insieme a Maxim Vengerov, al Barbican Centre di Londra.

Ilya Gringolts ha già al suo attivo collaborazioni con le orchestre più prestigiose del mondo quali la Mahler Chamber Orchestra, la Royal Philharmonic di Liverpool, l’Orchestra Sinfonica di Birmingham, la Deutsches Symphonie-Orchester di Berlino, l’Orchestra Sinfonica della BBC, l’Orchestra Sinfonica dello Stato di Sao Paulo, l’Orchestra Filarmonica Israeliana, l’Orchestra Sinfonica di Chicago, la London Philharmonic, l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo, l’Orchestra Filarmonica di Los Angeles, l’Orchestra Sinfonica di Melbourne, l’Orchestra Sinfonica NHK, la Hallé Orchestra ed entrambe le Orchestre tedesche della SWR.

Ilya Gringolts è un artista molto richiesto anche nel campo dei recital. È regolarmente ospite dei Festival di Lucerna, Kuhmo, Colmar e Bucarest (Festival Enescu), ma anche dell’associazione Serate Musicali di Milano e della Filarmonica di San Pietroburgo. Per le esibizioni di musica da camera collabora con artisti del calibro di Yuri Bashmet, Lynn Harrell, Diemut Poppen, Nicolas Angelich, Itamar Golan, Peter Laul, Nicholas Hodges e Jörg Widmann.

Dopo numerose incisioni di grande successo per le etichette discografiche Deutsche Grammophon e Hyperion, Ilya Gringolts ha focalizzato la sua attenzione sulle opere di Schumann contenute negli ultimi tre CD pubblicati dall’etichetta Onyx: le Sonate per violino n. 1 – 3 realizzate insieme a Peter Laul (2010), i Trii per pianoforte con Dmitry Kouzov e Peter Laul (2011) e i Quartetti per archi e il Quintetto per pianoforte con il Gringolts Quartet e Pater Laul (2011). Nel 2006 Ilya Gringolts ha vinto un ‘Gramophone Award’ con il CD Taneyev – Chamber Music registrato con Mikhail Pletnev, Vadim Repin, Nobuko Imai and Lynn Harrell. Nei prossimi mesi sono inoltre in programma le pubblicazioni di un CD con tutti i Capricci di Paganini, in cui si esibisce come solista, e di una nuova registrazione dei tre Quartetti per archi di Brahms.

Oltre alla cattedra di professore di violino all’Accademia d’Arte di Zurigo, Ilya Gringolts è docente di violino alla Royal Scottish Academy of Music and Drama di Glasgow.

Ilya Gringolts suona uno Stradivari 1718-1720 che gli è stato messo a disposizione da un collezionista privato.

Condividi