COLLIARD – LIGORATTI

COLLIARD – LIGORATTI

Quando:
29 Gennaio 2023@5:00 pm
2023-01-29T17:00:00+01:00
2023-01-29T17:15:00+01:00
Dove:
Spazio Teatro 89
via Fratelli Zoia 89 – 20153 Milano
Costo:
interi € 10; ridotti  € 7
Contatto:
Spazio Teatro 89
02 40914901

Matilda Colliard, violoncello

Stefano Ligoratti, pianoforte

Classici, romantici, unici
Beethoven, Schubert e Brahms per violoncello e pianoforte

PROGRAMMA

F. Schubert
Sonatina in la minore D 385 (trascriz. per vcl. e pianoforte di G. Goltermann)

L. van Beethoven
Variazioni su “Bei Männern welche Liebe fühlen” dal Flauto Magico di Mozart

J. Brahms
Sonata n. 1 op. 38 in mi minore

L’evoluzione del repertorio per violoncello e pianoforte è strettamente connessa con la creatività di Ludwig van Beethoven, che per primo diede piena dignità estetica a un organico fino a prima poco frequentato o comunque considerato minore, emancipando definitivamente il violoncello dal ruolo gregario di parte del basso continuo. Dopo i mirabili esempi beethoveniani, furono molti i compositori a cimentarsi con questa formazione, senz’altro problematica dal punto di vista degli equilibri sonori ma sempre stimolante per le potenzialità timbriche; tra questi Brahms, che ci lasciò due Sonate di profonda ispirazione e solida costruzione. Il Duo Colliard/Ligoratti ci offrirà un confronto diretto fra Beethoven e Brahms, due delle tre „B” della musica tedesca, alle prese con il Duo violoncello e pianoforte: del primo ascolteremo le preziose Variazioni sul dolcissimo, preromantico tema “Bei Männern, welche Liebe fühlen” dal Flauto magico di Mozart. Del secondo l’inquieta, passionale Sonata in mi minore, il cui fugato dell’ultimo movimento evoca anche la terza “B”, quella di Johann Sebastian Bach. A far da tramite fra Ludwig e Johannes, abbiamo invitato anche la musa gentile e malinconica di Franz Schubert, con una delle sue Sonatine per violino e pianoforte efficacemente trascritta per cello da Georg Goltermann (1824/1898). E al trascritto Schubert, così come al variato Mozart, dedicheremo anche i più affettuosi auguri di buon compleanno, ricorrente due giorni prima del nostro concerto per il Salisburghese, due giorni dopo per il Viennese.