Obiettivi per il futuro che l’Associazione si propone:

la continuità con la tradizione e l’omaggio alla musica classica di qualità si intreccia con proposte innovative ad alto valore aggiunto che mirano a veicolare al pubblico un’idea unitaria di offerta che rilegge trasversalmente alcune tematiche a cavallo tra la stagione “principale” e le proposte complementari a essa.
 

    1. La stagione “principale” è realizzata nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano. Le Serate Musicali propongono, per il proprio pubblico fidelizzato, nonché per i nuovi utenti che assistono agli spettacoli, un calendario ricco di appuntamenti che portano in scena personalità di riconosciuta fama, nazionale e internazionale. La stagione rappresenta, all’interno della programmazione annuale, l’elemento di maggiore continuità con la lunga storia dell’istituzione ed è legata al conseguimento di alcuni obiettivi programmatici distintivi consolidati:
      1. la programmazione di concerti legati ai grandi nomi della musica internazionale;
      2. il sostegno a grandi artisti nel cui talento le Serate hanno creduto sin dagli albori delle loro carriere professionali;
      3. la valorizzazione delle Orchestre giovanili e dei giovani talenti che si concretizza nelle collaborazioni con l’Orchestra Vivaldi, l’Orchestra Cupiditas, la Venice Chamber Orchestra, I Talenti dell’Accademia Stauffer, la Venice Chamber Orchestra e l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Milano. Inoltre “Giovani Solisti” e “Giovani Promesse”;
      4. la programmazione di cicli dedicati a secondo delle ricorrenze;
      5. la proposta di concerti cross-over dedicati alla commistione del repertorio classico con altri generi, tra cui il jazz;
      6. la promozione della contemporaneità con un interessante repertorio di prime esecuzioni, talvolta esplicitamente commissionate dall’Associazione.

       

    2. Gli appuntamenti decentrati, nati per favorire l’incontro della musica classica con altre forme di arte in contesti “non deputati” alla musica, come musei e periferie, sono diventati una costante della programmazione dell’Associazione. Per quanto riguarda gli appuntamenti di musica al museo, le Serate, propongono la partnership con i principali luoghi appartenenti al circuito delle case-museo milanesi (Museo Poldi Pezzoli, Museo Bagatti Valsecchi) e con la Galleria d’Arte Moderna. In queste occasioni, repertori eccellenti della musica classica tradizionale vengono fatti “dialogare” con forme d’espressione varie prioritariamente riconducibili al mondo delle arti visive. Un posto particolare all’interno delle reti con le istituzioni museali viene assunto dai concerti ospitati all’interno dei musei d’impresa. L’Associazione si impegna a voler portare la musica nelle “periferie” della città, della Regione e del Paese. I concerti ospitati nello spazio Teatro 89 e nello Spazio di Via Arona, nonché quelli realizzati in altre province lombarde e calabresi, consentono di far arrivare il nome e l’eccellenza musicale dell’Associazione oltre l’ambito milanese. In questa categoria vanno annoverate: “Armonie dalla Magna Graecia” (Calabria) e “Musiche sull’acqua” (Lago di Garda).
    3.  

    4. Le tematiche contemporanee, rappresentano il terzo filone di cui si compone l’offerta dell’Associazione. Queste ultime vanno intese secondo una duplice accezione: da un lato la contemporaneità vive nelle esecuzioni di artisti contemporanei e di musiche composte su specifica commissione da parte dell’Associazione. Dall’altro lato, le Serate Musicali si dimostrano sempre attente a stabilire connessioni con gli avvenimenti dei giorni nostri celebrando anniversari e ricorrenze che inseriscono i concerti all’interno di un panorama attualizzato e sempre vivo.
    5.  

    6. Il quarto filone è rappresentato dai  cicli multidisciplinari di commistione tra musica e letteratura (“I Suoni diventano Parole”) e di musica e cinema (Festival “Eterne Armonie”).